Come lo scelgo?

Hic Sunt Leones Berenice

Una volta individuato l'allevamento, o gli allevamenti, cominciate a farvi le domande importanti: qual è il mio stile di vita? Quante ore  trascorro in casa? Quante ore  il gatto resterebbe da solo?  Com'è composta la mia famiglia? Chi si occuperà principalmente del gatto? E così via.

Potreste  scoprire che  due cuccioli  sono quello che fa per voi, perché soffrono troppo la  solitudine e voi li dovreste lasciare soli  per troppe ore tutti i giorni. Oppure  potreste decidere di preferire una femmina che da adulta avrà una "taglia" più contenuta. Oppure con bambini piccoli in casa potreste decidere di portare a casa il cucciolo a 4 o 5 mesi, quando sarà più capace di gestire  il rapporto con i piccoli umani e a controllare la "retrattilità" delle sue unghie.

Quello che  per noi è l'ultima cosa da valutare   è il colore anche se sappiamo essere una battaglia persa. Di qualsiasi colore lo preferiate, chiedete all'allevatore  di parlarvi del carattere dei cuccioli. Alcune cose si vedono da subito  perché ogni cucciolo  ha tratti  della  personalità che si vedono da piccolissimo. C'è sempre  l'Esploratore, il Timido,   la Smorfiosetta, il Mangione, il  Coccolone  o il Pagliaccio. Sappiate però che una volta a casa vostra si adatteranno alla vostra famiglia, se ci saranno altri animali che hanno già il ruolo di cocco-di-mamma si adegueranno alla nuova gerarchia. E se avete preso il più timido, può darsi che  senza più il fratello "Bulletto" di torno, potrà farsi vedere in tutto il suo spassosissimo  modo di  essere.